Il benessere abitativo

Costruire o ristrutturare una casa significa cercare le soluzioni migliori a livello di prestazioni, di rapporto qualità/prezzo, all'avanguardia tecnologica e che rispondano al gusto di chi la abita. Ma anche, da non sottovalutare, la casa deve far “vivere bene”.
Il benessere abitativo è dunque una condizione trasversale in fase di progettazione, che passa dagli impianti ai materiali, dalle luci ai colori. A Restructura, in programma all’Oval-Lingotto Fiere fino a domenica 29 novembre, sono esposte alcune soluzioni innovative ed efficaci che hanno come obiettivo proprio la qualità degli ambienti.

"La qualità della vita passa in gran parte dal comfort degli edifici in cui viviamo e lavoriamo tutti i giorni" ha dichiarato il Presidente della CNA Torino, Nicola Scarlatelli, intervenendo al convegno organizzato a Restructura in collaborazione con l'Istituto nazionale di bioarchitettura il 26 novembre. "Il lavoro degli artigiani qualificati, l'attenta selezione dei materiali e le soluzioni adottate per il risparmio energetico contribuiscono a migliorare sensibilmente il benessere abitativo". E ancora: "La riscoperta di antiche tecniche di lavorazione della calce e di altri materiali all'insegna della sostenibilità e del rispetto dell'ambiente rappresentano importanti sfide che CNA Torino porta avanti con convinzione da anni e che solo recentemente stanno ottenendo, come meritano, il giusto risalto mediatico".

La luce naturale di Infinity Motion
Il Daylighting è la tecnologia che porta la luce del sole dentro casa. Il Solatube è – banalizzando – un semplice tubo che trasporta una quantità ottimale di luce naturale negli ambienti interni in funzione delle stagioni eliminando il possibile problema dell'abbagliamento e minimizzando lo scambio termico tra esterno e interno. Complementari all'impianto tradizionale, le calotte creano l'originalissimo effetto di una finestra a soffitto, che anima e definisce lo spazio. Oltre al risultato stilistico e di carattere, è ormai indiscusso il beneficio della luce naturale negli ambienti residenziali e lavorativi: l'occhio percepisce la frequenza e stimola le funzioni endocrine, ci si sente più vitali, aumenta la produttività e regola il ritmo circadiano regolamentando il riposo. Per questi motivi l'intervento (facilmente realizzabile sul nuovo o in caso di ristrutturazione di edifici basi, case indipendenti o ultimi piani e mansarde) è consigliato anche negli ospedali o nelle scuole, poiché migliora la lungodegenza. La luce naturale di Infinity Motion fa bene anche al portafoglio, riducendo i consumi del 20-40%.

Combattere l'umidità
Addio ai vecchi deumidificatori ingombranti, oggi il fenomeno dell'umidità da risalita si risolve con dispositivi di piccole dimensioni. Wall & Wall, per esempio, in collaborazione con un ricercatore impegnato nel campo della bioedilizia, ha creato Biodry, un dispositivo di piccole dimensioni che, applicato sulle pareti, consente di invertire il flusso di corrente che trasporta le molecole dell'acqua verso l'alto dei muri, semplicemente interrompendo l'interferenza elettrica nei muri. L'umidità presente ritorna nel terreno, punto da cui è partita, in modo assolutamente naturale, garantendo il definitivo prosciugamento dei muri umidi. Si tratta di una tecnologia innovativa, garantita dalla certificazione CE, che ha come scopo primario il miglioramento della qualità della vita, privilegiando l’eco-sostenibilità e la biocompatibilità, guardando con rinnovata sensibilità al futuro dell’uomo e del suo ambiente. Biodry è finalizzato al recupero degli edifici esistenti, al restauro, senza ricorrere all’utilizzo di additivi chimici, onde elettromagnetiche, elettricità, né interventi murari. Dispositivo deumidificatore proposto anche da Aquapol che dal 1985 conta in Europa 50mila installazioni, di cui 5mila in Italia.
Altra proposta presentata dalla divisione MUNGO-SAFEGUARD è il nuovo ed esclusivo brevetto DRYROD, composto da barrette da 12mm di diametro che si inseriscono sulla linea di base delle murature; e che contengono un componente impermeabilizzante chimico che diffonde sulla muratura formando uno strato idrorepellente definitivo che blocca totalmente la risalita dell'umidità, la formazione di efflorescenze e lo spaccamento di muri e intonaci. DRYROD è certificato dal British Board of Agrément, che ne certifica una durata efficace per almeno 20 anni.

Ventilazione meccanica
Già dal 1983 l’Organizzazione Mondiale della Sanità – OMS ha riconosciuto una patologia associata agli ambienti residenziali e lavorativi, la SBS, ossia la Sick Building Syndrome, Sindrome da Edificio Malato, che corrisponde ad una combinazione di disturbi legati a tutti gli aspetti del microclima cui le persone sono esposte, che comprendono le condizioni di illuminazione, ma anche e soprattutto l’umidità dell’aria, il ricambio della ventilazione e la possibile emissione di alcune sostanze nocive dai materiali impiegati per la costruzione. Una delle soluzioni proposte da Building Evolution è il sistema integrato di ventilazione artificiale degli ambienti (conosciuta come ventilazione meccanica) che permette all'aria proveniente dall'esterno di accedere nell'abitazione attraverso la presenza di appositi dispositivi d'immissione che sono generalmente collocati nelle camere e nel soggiorno e immettono aria pulita senza il bisogno di aprire le finestre, e di una serie di bocchette di estrazione che invece sono dislocate negli ambienti più “inquinati” come bagno e cucina, che hanno la funzione di controllare le concentrazioni di aria insalubre ed eventuali concentrazioni di inquinanti provenienti dall'esterno.

Pareti vegetate
Growing Green realizza pareti vegetate per esterni ed interni, modulari, ecocompatibili, flessibili, leggere e di esclusivo impatto estetico. Numerose le soluzioni che in soli 4 cm di spessore migliorano il comfort termico invernale ed estivo (i moduli vegetati consentono in estate di abbattere le temperature superficiali esterne, riducendo il flusso di calore in ingresso con conseguente riduzione dei consumi energetici per la climatizzazione, e funzionano in inverno come uno strato di isolante termico con spessore 3 ÷ 5 cm e λ=0,04 W/mK), riducono i consumi energetici, diminuiscono gli inquinanti migliorando la qualità dell'aria, aumentano il comfort acustico riducendone l'inquinamento e favoriscono il benessere psicoemotivo. Le pareti, integrabili sia su facciate esistenti sia sul nuovo, incrementano il valore immobiliare e valorizzano la qualità estetica degli edifici.
Nella giornata di sabato 28, Growing Green propone a Restructura un doppio appuntamento – alle 12.00 e alle 15.30 - con un workshop sul tema, dal titolo Vantaggi energetici e ambientali delle pareti vegetate: le GRE_EN_Solutions.

Il colore
Sabato 28 novembre dalle ore 10 alle ore 13 presso la Sala LE CORBUSIER è organizzato il convegno dal titolo “Riflessioni sul colore” che discute l'interazione tra colore, uomo ed ambiente, l'evoluzione ed i fattori che ne influenzano la scelta e presentano il colore come effetto della riflessione selettiva della luce. Parametri del colore. L'incontro è organizzato da AITIVA Piemonte; intervengono la Color Stylist Liviana Sesia, l'architetto Simona Garavaglia e il professore Alessandro Gusmano.